+39 049 836 4121

La moxibustione allevia la nausea da chemioterapia.

La moxibustione nella nausea e nel vomito indotti dalla chemioterapia: una review sistematica e meta-analisi.

Scopo della ricerca

La nausea ed il vomito sono sintomi gravi per i pazienti sottoposti a chemioterapia.E’ stato riportato che la moxibustione, che prevede l’uso di moxa ardente per generare calore e stimolare i punti di agopuntura, possa potenzialmente migliorare gli effetti collaterali indotti dalla chemioterapia, in particolare la nausea ed il vomito. Questa review sistematica valuta l’ evidenza attuale dell’efficacia della moxibustione contro la nausea ed  il vomito indotti dalla chemioterapia (CINV).

Metodi

Abbiamo effettuato una ricerca su otto database on-line e due registri di studi per studi pertinenti. E’ stato utilizzato il modello di effetti casuali per condurre una metanalisi. Inoltre sono stati utilizzati il Rischio Relativo (RR) e la differenza media (MD) per spiegare rispettivamente i risultati dicotomici e continui; i risultati erano entro il 95% degli intervalli di confidenza (CIs).

Risultati

I risultati hanno rivelato che la moxibustione può alleviare in modo più favorevole la gravità e la frequenza del CINV rispetto a nessun trattamento (RR: 2.04, 95% CI: 1.42-2.93); la moxibustione può avere effetti più intensi dei farmaci antiemetici (RR: 1.87, 95% CI: 1.27-2.76). Non vi è alcun risultato significativo sul fatto che la moxibustione possa incrementare gli effetti dei farmaci antiemetici come trattamento complementare. La moxibustione reale (8.10 ± 10.98)   può avere effetti più favorevoli della moxibustione placebo (46.67 ± 23.32). Tuttavia le prove ottenute non sono sufficienti a causa della mancanza di studi clinici rigorosi.

Huang Z, Qin Z, Yao Q, Wang Y, Liu Z. Moxibustion for Chemotherapy-Induced Nausea and Vomiting: A Systematic Review and Meta-Analysis. Evid Based Complement Alternat Med. 2017;2017:9854893. doi: 10.1155/2017/9854893. Epub 2017 Oct 12.

A cura di: Francesco Ceccherelli

Per leggere il full text: clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *