+39 049 836 4121

La lidocaina riduce il rischio di recidive dopo la chirurgia oncologica ?

L’ anestetico locale lidocaina riduce il rischio di metastasi e potenzia il sistema immunitario dopo chirurgia oncologica ? Review narrativa.

Introduzione

La rimozione chirurgica del tumore primario nei tumori solidi è una componente essenziale del trattamento. Tuttavia, il periodo perioperatorio può paradossalmente portare ad un aumentato rischio di recidiva del cancro. Nel cancro al seno, p. es., le recidive precoci suggeriscono un’accelerazione dovuta alla mastectomia del processo metastatico e un ruolo cruciale dell’immunosoppressione durante il periodo perioperatorio.

Ruolo degli anestetici locali e della lidocaina

Prove recenti suggeriscono che l’anestesia potrebbe influenzare il progresso della malattia. Gli anestetici locali (LA) sono stati a lungo usati per le loro proprietà di bloccare l’input nocicettivo. Esercitano anche capacità antinfiammatorie modulando la liberazione o la propagazione dei mediatori dell’infiammazione, ed inoltre possono ridurre la vitalità e la proliferazione di molte cellule tumorali anche in vitro. Inoltre, studi clinici retrospettivi hanno suggerito che l’anestesia regionale per la chirurgia del cancro (con o senza anestesia generale) potrebbe ridurre il rischio di recidiva (Sekandarzad MW, van Zundert AAJ, Lirk PB, Doornebal CW, Hollmann MW. Perioperative anesthesia care and tumor progression. Anesth Analg (2017) 124(5):1697–708).

Lidocaina

La lidocaina, una LA che può essere somministrata anche per via endovenosa, è ampiamente utilizzata nella pratica clinica per l’analgesia multimodale. È associata a un risparmio di oppiacei e/o antidolorifici postoperatori, a punteggi del dolore ridotti e in chirurgia maggiore probabilmente anche con una ridotta incidenza di ileo postoperatorio e durata della degenza ospedaliera. La somministrazione sistemica potrebbe quindi essere efficace per bloccare le cellule tumorali residue o per raggiungere cellule in grado di formare micrometastasi. Inoltre, uno studio in vitro ha dimostrato che la lidocaina potrebbe potenziare l’attività delle cellule natural killer (NK) (Ramirez MF, Tran P, Cata JP. The effect of clinically therapeutic plasma concentrations of lidocaine on natural killer cell cytotoxicity. Reg Anesth Pain Med (2015) 40(1):43–8). Grazie alla loro capacità di riconoscere e uccidere le cellule tumorali senza la necessità di un’esposizione antigenica precedente, i NK sono le cellule principali del sistema immunitario innato. Tuttavia, diversi fattori perioperatori possono ridurre l’attività dei NK, come stress, dolore, oppioidi o anestetici generali.

La via endovenosa

La lidocaina per via endovenosa come parte dell’anestesia perioperatoria sarebbe di grande interesse per i medici, in quanto potrebbe ridurre il rischio di recidiva del cancro o rallentare la progressione del tumore in pazienti sottoposti a chirurgia oncologica. La lidocaina, ben conosciuto agente farmacologico dal costo molto basso, potrebbe quindi essere un candidato promettente quale terapia adiuvante oncologica.

Conclusioni

Mol Med Rep (2015) 12(5):7039–44) suggeriscono un ruolo antitumorale diretto della lidocaina, nonché un effetto sul potenziamento del sistema immunitario nei pazienti oncologici nella fase postoperatoria, tuttavia, abbiamo urgentemente bisogno di studi clinici randomizzati che valutino il reale effetto protettivo della lidocaina sulla funzione delle cellule NK e sulle recidive dopo la chirurgia del cancro.

Bibliografia

Diversi studi retrospettivi e in vitro (Exadaktylos AK, Buggy DJ, Moriarty DC, Mascha E, Sessler DI. Can anesthetic technique for primary breast cancer surgery affect recurrence or metastasis? Anesthesiology (2006) 105(4):660–4; Schlagenhauff B, Ellwanger U, Breuninger H, Stroebel W, Rassner G, Garbe C. Prognostic impact of the type of anaesthesia used during the excision of primary cutaneous melanoma. Melanoma Res (2000) 10(2):165–9; Biki B, Mascha E, Moriarty DC, Fitzpatrick JM, Sessler DI, Buggy DJ. Anesthetic technique for radical prostatectomy surgery affects cancer recurrence: a retrospective analysis. Anesthesiology (2008) 109(2):180–7; Christopherson R, James KE, Tableman M, Marshall P, Johnson FE. Long-term survival after colon cancer surgery: a variation associated with choice of anesthesia. Anesth Analg (2008) 107(1):325–32; Wang HL, Yan HD, Liu YY, Sun BZ, Huang R, Wang XS, et al. Intraoperative intravenous lidocaine exerts a protective effect on cell-mediated immunity in patients undergoing radical hysterectomy.

Chamaraux-Tran TN, Piegeler T. The Amide Local Anesthetic Lidocaine in Cancer Surgery-Potential Antimetastatic Effects and Preservation of Immune Cell Function? A Narrative Review. Front Med (Lausanne) 2017 Dec 20;4:235. doi: 10.3389/fmed.2017.00235. eCollection 2017

A cura di Paolo Barbagli

Per leggere il full-text: clicca qui

One thought on “La lidocaina riduce il rischio di recidive dopo la chirurgia oncologica ?

  1. A los autores del articulo sobre los A.L: lei con mucho interes el articulo sobre los A.L y su accion inmunologica. En nuestro Servicio de Tratamiento del Dolor y Bloqueos Anestesicos, hace 75 años venimos observando esta accion. La Escuela de Fisiologia Rusa con distintos trabajos, demostro esta accion beneficiosa de los A.L en distintos procesos patologicos.En la A.G los estimulos del acto operatorio igual son percibidos por el cerebro, y esto es demostrado con la aparicion del miembro fantasma o el doloroso y con la aparicion del estado post herpetico, entre otras secuelas. Es indudable el stress que desarrollan las cirugias con los A.G, el dolor es percibido por el cerebro y no con los A.L. Esta es la demostracion de porque los canceres muchas veces se reactivan con estas cirugias, despues de todo el stress, es el resultado del mantenimiento de este desorden del S.N. No existe nada de magico en este mecanismo, pero debe ser muy tomado en cuenta. Los A.L refuerzan al S.N y muy especialmente a la funcion vegetativa que en su ritmo normal jamas determina dolor y estado de stress. Los A.L por via E.V son los mejores analgesicos en el post operatorio, por interferir en estos mecanismo al regularizar esta funcion alterada. No son usados por la falta de conocimiento de las dosis, las cual en nuestro servicio se desarrollaron en forma satisfactoria. Si desean puedeo contribuir con las dosis usadas por nuestro servcio en bolo y goteos. Un abrazo Dr. Julio Saiach. director de la Escuela panamericana para el Estudio y Tratamiento del Dolor. Docente del Curso de Evaluacion y tratamiento del Dolor(Hospital Italiano). Jefe del servicio de Tratamiento del Dolor y B. Anestesicos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *