+39 049 836 4121

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: L’Agopuntura nelle cefalee, ovvero, la mistificazione giornalistica dell’evidenza scientifica

Giovanni Battista Allais

Il 21 gennaio 2009 è comparsa in letteratura scientifica la nuova versione del CD della Cochrane Collaboration, che contiene al suo interno numerose reviews sistematiche della letteratura scientifica mondiale, fra cui due di cui sono coautore, dedicate una all’agopuntura nelle cefalee di tipo tensivo e una all’agopuntura nella profilassi dell’emicrania.

I risultati delle due revisioni sono estremamente favorevoli all’agopuntura.

Infatti, nella prima review, intitolata “Acupuncture for tension-type headache”, dall’analisi di 11 studi effettuati su un totale di 2317 pazienti sofferenti di cefalea di tipo tensivo, gli autori concludono che l’agopuntura può essere un valido approccio non farmacologico in pazienti con cefalee di tipo tensivo episodiche frequenti o croniche. Negli studi dove era stata comparata l’agopuntura al solo trattamento farmacologico dell’attacco acuto o al trattamento routinario, si dimostra un beneficio significativamente maggiore nei pazienti sottoposti ad agopuntura per risposta alla terapia, riduzione di giorni di cefalea e diminuzione dell’intensità del dolore. L’agopuntura risulta significativamente più efficace dell’agopuntura placebo sia per la risposta generica alla terapia sia per una serie di altri parametri clinici.

Nella seconda review, intitolata “Acupuncture for migraine prophylaxis”, sono stati presi in considerazione 22 studi su 4419 pazienti. Gli autori concludono che vi è una consistente evidenza scientifica che l’agopuntura fornisca un beneficio aggiuntivo rispetto al solo trattamento degli attacchi acuti o al trattamento di routine. Negli studi in cui l’agopuntura viene comparata a procedure di agopuntura placebo di varia natura, non si evidenziano differenze significative fra l’agopuntura vera e quella placebo, ma peraltro i risultati dei singoli studi variano considerevolmente gli uni rispetto agli altri. Negli studi in cui invece si effettua un raffronto fra agopuntura e farmaci, l’agopuntura risulta almeno di pari efficacia, se non di efficacia a volte addirittura maggiore, rispetto ai prodotti farmaceutici regolarmente usati nella profilassi dell’emicrania e presenta meno effetti collaterali. Alla luce di tutti i dati obiettivati, gli autori suggeriscono che l’agopuntura dovrebbe essere dunque considerata una normale opzione di trattamento nei pazienti emicranici che desiderano sottoporvisi.

Il giorno 22 gennaio sul quotidiano La Repubblica è prontamente apparso in prima pagina un articolo dal titolo estremamente fuorviante, intitolato “Agopuntura, solo effetto placebo”, dove vengono evidentemente travisate le conclusioni delle due reviews, presentando un’immagine totalmente distorta dei risultati e dando a questa erronea versione dei fatti un enorme risalto, degno addirittura della prima pagina.

Attonito per l’accaduto, in data 23 gennaio, dopo avere consultato Klaus Linde, primo autore della review, che veniva più volte citato nell’articolo di Repubblica con frasi virgolettate, simulando un’intervista, ottenevo da lui la conferma che non era mai stato contattato dal quotidiano e provvedevo immediatamente a trasmettere per raccomandata al Direttore Responsabile del quotidiano la seguente lettera:

Egregio Dott. Mauro,

sul quotidiano La Repubblica di giovedì 22 gennaio, in prima pagina col titolo “Agopuntura, solo effetto placebo” e a pagina 37, col titolo “Agopuntura – inganna la mente così cura l’emicrania” è apparso un articolo a firma di Enrico Franceschini riguardante la recentissima pubblicazione delle Cochrane reviews

Linde K, Allais G, Brinkhaus B, Manheimer E, Vickers A, White AR. Acupuncture for tension-type headache. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 1. Art. No.: CD007587. DOI: 10.1002/14651858.CD00758 e

Linde K, Allais G, Brinkhaus B, Manheimer E, Vickers A, White AR. Acupuncture for migraine prophylaxis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 1. Art.No.: CD001218. DOI: 10.1002/14651858.CD001218.pub2

di cui il sottoscritto è il secondo autore, dopo Klaus Linde.

Sul quotidiano da Lei diretto viene fornita una informazione del tutto distorta e non confacentesi a quanto invece contenuto nel testo delle Reviews Cochrane. Ciò oltre a creare un danno diretto all’agopuntura e ai medici che la esercitano, rappresenta un pessimo esempio di viziatura dell’informazione, cui sono certo Lei vorrà porre adeguato rimedio.

Il testo dell’articolo infatti non solo contiene numerose imprecisioni, ma cita virgolettando frasi che Klaus Linde, da me contattato stamane al telefono e a nome del quale anche mi rivolgo a Lei, non ha mai detto.

In realtà il dott. Franceschini non ha mai effettuato l’intervista con Klaus Linde, e male interpretando, non so se deliberatamente o per mera superficialità, i vari comunicati stampa internazionali sulla nuova release Cochrane, ha eluso tutte quelle che erano le principali conclusioni delle reviews, estremamente favorevoli all’agopuntura e alla sua applicazione nelle cefalee, focalizzandosi solo su un aspetto sensazionalistico e distorcendolo, ma, cosa assai più grave, dopo non avere controllato le fonti ha pure inventato di sana pianta una parte delle affermazioni di Linde, virgolettandole ed ascrivendole a lui.

Nel testo dell’articolo si legge infatti:

“Gran parte dei vantaggi clinici dell’agopuntura sembrano essere derivati da effetti non legati alla collocazione degli aghi, bensì a un forte effetto placebo”, afferma il professor Klaus Linde, che ha diretto la ricerca. “Con questo – aggiunge Linde, per puntualizzare – non intendiamo dire che l’agopuntura non funziona in assoluto, ma che la selezione di specifici punti del corpo appare meno importante di quanto molti di coloro che praticano questo trattamento hanno ritenuto fino ad ora”

E più avanti ancora:

“Senza dubbio saranno necessarie ulteriori ricerche per capire esattamente come funziona questa terapia prima che venga prescritta ai pazienti” osserva il professor Linde.

Le affermazioni così riportate non provengono né direttamente da Klaus Linde né tantomeno dal testo delle Cochrane reviews, del quale sono anche io personalmente estensore.

Ritengo pertanto più che doveroso che il quotidiano da Lei diretto ponga rimedio a questo grave atto di disinformazione, fornendo alla smentita gli adeguati spazi previsti per le rettifiche ai sensi di legge.

La informo anche che, in qualità di Presidente della Società Italiana di Riflessoterapia , Agopuntura e Auricoloterapia, e congiuntamente al dottor Roberto Gatto, Presidente della Società Italiana di Agopuntura, ho stamane contattato il dott. Carlo Giovanardi, Presidente della Federazione Italiana delle Società di Agopuntura, che rappresenta sindacalmente e tutela i medici agopuntori italiani, concordando con lui l’avvio di una azione legale nei confronti del giornalista e del quotidiano da Lei diretto in caso quanto richiesto non avvenisse rapidamente ed in conformità con le vigenti leggi sulla stampa.

Certo di un tempestivo riscontro, porgo distinti saluti.”

Il quotidiano, pur essendo io contrario, pubblicava a pagina 24, nella rubrica Lettere, commenti e idee, solo una parte della mia lettera facendola seguire dal commento del giornalista, che ribadiva di essersi limitato “ad informare il pubblico sui risultati di uno studio riportato da una autorevole pubblicazione scientifica internazionale”.

Visto il perpetuarsi della divulgazione di una informazione scorretta e considerato il fatto che il quotidiano non aveva ottemperato alle norme previste dalla legge sulla stampa, la Federazione Italiana delle Società di Agopuntura ha ritenuto opportuno dare corso all’azione legale nei confronti de La Repubblica.

2 thoughts on “RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: L’Agopuntura nelle cefalee, ovvero, la mistificazione giornalistica dell’evidenza scientifica

  1. Salve, vivo a treviso e cerco info prezzi per pulizia tartaro (che devo fare
    almeno 2 volte l’anno). Va bene anche zona Noventa di Piave/ san Donà di Piave.
    Spero abbiate una lista di medici che applicano tariffe ridotte.

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *