+39 049 836 4121

SEGNI CLINICI DI CEFALEA CERVICALE

La nozione che una cefalea può avere un’ origine cervicale non è nuova, e resta un argomento dibattuto. L’assenza della causa cervicale identificabile è la critica principale.
I criteri proposti dall’International Headache Society sono insufficienti e caratterizzano solo un ristretto numero di cefalee cervicali che contrasta con un numero molto più importante di cefalee comuni regolarmente alleviate da un trattamento manipolativo cervicale.…

Leggi tutto

RIFLESSIONI SULLA PROIEZIONE CEFALICA DELLA SOFFERENZA DEL RACHIDE CERVICALE ( SECONDA PARTE)

Sul piano biomeccanico,si può dire (come R.Maigne affermava) che, per convenzione, la giunzione cervico-occipitale è centrata sul segmento mobile C2-C3. E’ il primo segmento mobile completo, sia dal punto di vista anatomico che funzionale, al di sotto del cranio; i livelli soprastanti sono destinati principalmente alle funzioni di estensione-flessione (occipite-C1) e rotazione (C1-C2).…

Leggi tutto

L’analgesia indotta dall’agopuntura dopo una singola seduta nel colpo di frusta cronico non e correlata a modificazioni del sistema autonomo: studio randomizzato in cross over.

INTRODUZIONE
Il colpo di frusta (WAD) è un trauma indotto da una rapida accelerazione-decelerazione del collo, spesso correlato ad un incidente staradale, che provoca spesso dolore al colllo, alle spalle, stanchezza, irritabilità ed altri sintomi. La maggior parte dei pazienti migliora in 3 mesi dal trauma tuttavia fino al 40% continua a manifestare sintomi.…

Leggi tutto

Intensità e rom cervicale in donne affette da dolore miofasciale trattate con agopuntura ed elettroagopuntura: trial randomizzato in doppio cieco.

Il dolore miofasciale (si stima che l’85 % della popolazione ne sia affetto) è caratterizzato dalla presenza di Trigger Poits (TP) che, come è ben noto,  sono localizzati nei muscoli. Nel TP è presente una banderella di contrattura muscolare ipereccitabile.

Clinicamente i TP (che sappiamo possono essere attivi o latenti) si presentano con una rigidità muscolare, dolore muscolare, diminuzione della forza e ridotto ROM; il dolore miofasciale è la causa principale della cervicoalgia e della cefalea miotensiva soprattutto nel sesso femminile.…

Leggi tutto

3511 aghi alla ricerca del numero perfetto di aghi: uno studio randomizzato e controllato

L’agopuntura è stata usata con successo nelle sindromi da dolore miofasciale. Tuttavia, il numero di aghi che si devono utilizzare per ottenere il miglior effetto antinocicettivo, ossia la “dose” di stimolazione agopunturale, è ancora oggetto di discussione. Il problema è stato affrontato paragonando l’efficacia clinica di 3 differenti schemi terapeutici, caratterizzati principalmente dal diverso numero di aghi impiegati, su 90 pazienti affetti da sindrome miofasciale cervicale dolorosa.…

Leggi tutto

MANIPOLAZIONE IN APPOGGIO STERNALE

La manipolazionein appoggio sternale puòessere eseguita col pazienteseduto di traverso al lettinoo a cavalcioni dello stesso. Essa puòessere applicata da C7-T1 à T10-T11.  Noi prenderemo come tipo di descrizione la tecnica col paziente seduto di traverso al lettino. E’ una delle tecniche tra le più diffuse al livello del rachide toracico.…

Leggi tutto

Influenza del dolore sul controllo posturale di donne con dolore cervicale

L’obbiettivo di questo studio è stato quello di investigare l’influenza del dolore sul controllo posturale in donne affette da dolore cervicale e la sua correlazione con possibili cambiamenti nel sistema sensoriale e nella postura. Il gruppo affetto da dolore cervical era composto da donne di età compresa fra 20 e 50 anni, sofferenti di dolore cervicale da più di tre mesi; il gruppo di controllo era composto da donne senza alcun dolore.…

Leggi tutto

Valutazione del rischio di ictus da manipolazioni del collo: una revisione sistematica.

BACKGROUND: Gli Strokes, tipicamente coinvolgenti la dissezione dell’arteria vertebrale, possono  seguire la terapia manipolativa vertebrale cervicale, ma questi tipi di ictus si verificano raramente. Non vi è accordo sul fatto che esista una forte associazione tra la manipolazione del collo e ictus.…

Leggi tutto

SEGNI CLINICI DELLE CEFALEE CERVICALI DI ROBERT MAIGNE

La nozione che una cefalea possa avere un’origine cervicale non è nuova,ma al contrario resta un argomento molto controverso: L’assenza di cause cervicali identificabili è la critica principale. I criteri proposti dal International Headache Society sono insufficienti e non caratterizzano che un esiguo numero di cefalee cervicali,  cosa che contrasta con il numero importante delle cefalee comuni regolarmerte alleviate da un trattamento manipolativo cervicale.Il concetto di DDIM (Disturbo Doloroso Intervertebrale Minore) ne è una risposta ,fra l’altro, approvata dal Québec Headache Study Group .…

Leggi tutto

CONFRONTO FRA LA MANIPOLAZIONE VERTEBRALE LA FARMACOTERAPIA E LA GINNASTICA GUIDATA DOMICILIARE NEL TRATTAMENTO DELLA CERVICALGIA ACUTA E SUB ACUTASTUDIO RANDOMIZZATO

BACKGROUND:il dolore di origine meccanica al rachide cervicale è una condizione comune che colpisce circa il 70% delle persone in qualche fase  della loro vita.  Per guidare la scelta della terapia per il dolore cervicale acuto e subacuto esistono poche ricerche.…

Leggi tutto

DOLORI DI SPALLA E RACHIDE CERVICALE

La patologia dolorosa di spalla non è solo espressione di  lesioni capsulo-ligamentose locali; essa può essere una manifestazione di sofferenza del rachide cervicale, spesso misconosciuta.

Questo fattore cervicale può provocare dei dolori pseudo-tendinei alla spalla, associati ad una eventuale limitazione del movimento, che ne ha fatto argomento d’interesse in Medicina Manuale.…

Leggi tutto

RUOLO DELL’AGOPUNTURA CONTROLATERALE NELLA TERAPIA INTEGRATA: TRATTAMENTO DI UN CASO DI ALLODINIA DA ERNIA DISCALE CERVICALE.

La stimolazione con agopuntura controlaterale è utilizzata per evitare gli episodi di forte riacutizzazione del dolore che con la stimolazione omolaterale in pazienti portatori di dolore acuto  e cronico neuropatico. Ciò che consiglia l’impiego della tecnica controlaterale è la presenza dell’allodinia , che può essere presente  sia in un quadro di dolore acuto infiammatorio – neurogeno, come il conflitto disco-radicolare, che nel caso di un dolore neuropatico come la nevralgia posterpetica.…

Leggi tutto