+39 049 836 4121

Correlazione anatomo-funzionale tra le zone di head e i punti e i meridiani di agopuntura: un’analisi comparativa dal punto di vista della neuralterapia.

INTRODUZIONE
La neuralterapia e la Medicina Tradizionale Cinese fanno parte, nel mondo occidentale, della medicina complementare e alternativa (CAM). Ambedue si basano, sia nella diagnosi che nell’approccio terapeutico, sulla ricerca di punti dolorosi, spontaneamente e/o alla pressione, correlati con malattie viscerali. La terapia di questi punti, mediante stimoli di questi punti cutanei, inducono risposte locali, segmentali e/o a distanza. Le cosiddette zone di Head spiegano queste correlazioni viscerocutanee e anche le reazioni a distanza che si hanno dopo l’infiltrazione con anestetici locali nella neuralterapia.

MATERIALE E METODI
Questa ricerca di tipo descrittivo è stata effettuata analizzando i testi di Henry Head e di medicina tradizionale cinese.

RISULTATI
E’stata trovata una relazione anatomica e funzionale tra le aree di Head della testa e del collo, con 14 meridiani di agopuntura e i loro punti; così come tra le zone di head e i meridiani di cuore, polmone e pericardio; nelle aree genitali con i meridiani di vescica e di rene.
Anche analizzando la descrizione delle aree di Head dello stomaco, del fegato, della vescicola biliare e della vescica, vi è una almeno parziale sovrapposizione con punti di agopuntura, che condividono similari indicazioni terapeutiche.
E’ stata infine trovata una stretta correlazione tra tutte le aree di Head, i meridiani e i punti di agopuntura: ben 235 punti di agopuntura sono risultati infatti strettamente correlati.

DISCUSSIONE E CONCLUSIONI
Questa analisi conferma quanto studiato in altre  analoghe (I.Wancura-Kampik, Segmental Anatomy: The Key to Mastering Acupuncture, Neural Therapy and Manual Therapy, Elsevier, Munich, Germany, 1st edition, 2012), così come altre osservazioni di Head, come quella relativa alla variabilità dei punti dolorosi, che talvolta sono al di fuori delle classiche aree, vengono confermate dall’esistenza di punti ashi fuori meridiano della TCM. Head e la TCM, così come le esperienze mutuate dalla neuralterapia, concordano pertanto sulla necessità di individualizzare al massimo l’approccio riflessoterapico. Ipotizzando così altri modi comunicare tra loro tra le diverse parti del corpo, oltre a quelli incanalati nelle vie nervose, come i fenomeni riflessi attraverso la matrice extracellulare, già teorizzati da autori di estrazione neuralterapeutica come Pischinger (A. Pischinger, The Extracellular Matrix and Ground Regulation: Basis for a Holistic Biological Medicine, North Atlantic Books, Berkeley, Calif, USA, 2007).

Beltràn Molano ML, Pinilla Bonilla LB, Beltràn Dussan EH, Vàsquez London?o CA. Anatomo-Functional Correlation between Head Zones and Acupuncture Channels and Points: A Comparative Analysis from the Perspective of Neural Therapy. Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2014,

A cura di Paolo Barbagli
Per leggere il full text: clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *