+39 049 836 4121

Grado di soddisfazione dei pazienti di cure primarie nelle malattie muscolo-scheletriche: confronto tra terapie convenzionali e neuralterapia.

INTRODUZIONE
Lo scopo di questo studio è confrontare il grado di soddisfazione dei pazienti di cure primarie nelle malattie muscoloscheletriche tra neuralterapia e terapie convenzionali.

METODI
Si tratta di uno studio in ambulatori di cure primarie nelle malattie muscoloscheletriche, e precisamente tra un gruppo di 241 pazienti in 77 ambulatori che praticano terapie convenzionali e un gruppo di 164 pazienti in 18 ambulatori che praticano neuralterapia. I pazienti hanno compilato un questionario un mese dopo avere effettuato le terapie, mentre il medico ha raccolto i dati dei pazienti (durata e severità dei sintomi, diagnosi, terapia effettuata). Sono poi stati valutati: il raggiungimento o meno delle aspettative, gli effetti percepiti della terapia, il grado di soddisfazione del paziente.

RISULTATI
Le diagnosi più frequenti riguardavano le patologie del rachide (39 % nelle terapia convenzionali, 46 % nella neuralterapia). Significative differenze sono state trovate confrontando i risultati fra i due gruppi. I pazienti “neuralterapia” hanno riscontrato un migliore raggiungimento delle loro aspettative, nonché un più alto grado di soddisfazione, nonostante fossero in peggiori condizioni di salute e avessero una maggior gravità nei loro disturbi. In tale gruppo, poi, si sono registrati un maggior numero di effetti collaterali positivi e un minor numero di effetti collaterali negativi, oltre a un miglior rapporto medico-paziente.

CONCLUSIONI
In questo studio è stato complessivamente trovato un maggior grado di soddisfazione nei pazienti trattati mediante neuralterapia, piuttosto che in quelli trattati in modo convenzionale, nelle malattie muscoloscheletriche. E tale risultato suggerisce che la neuralterapia potrebbe essere una valida alternativa terapeutica, negli ambulatori di cure primarie, per la terapia delle malattie muscoloscheletriche, che rappresentano uno dei più comuni motivi di consultazione ambulatoriale di un  medico.

COMMENTO  DEL CURATORE
Questo studio, che è stato commissionato e finanziato dal Sistema Sanitario Svizzero per valutare dal punto di vista del rapporto costi-benefici l’inserimento della neuralterapia tra le terapie rimborsabili, rappresenta il primo tentativo di comparare gli effetti terapeutici della neuralterapia dal punto di vista delle aspettative e del grado di soddisfazione dei pazienti, con quanto offerto dalle medicine cosiddette “convenzionali”, peraltro non  meglio definite e descritte nello studio. Il risultato, una maggiore efficacia soggettiva della neuralterapia nonostante abbia trattato pazienti più gravi dell’altro gruppo, incoraggia a proseguire gli studi per valutarne meglio, e con parametri più obiettivi, gli effetti terapeutici.

Mermod J, Fischer L, Staub L, Busato A. Patient satisfaction of primary care for musculoskeletal diseases: A comparison between Neural Therapy and conventional medicine. BMC Complementary and Alternative Medicine 2008, 8:33    doi:10.1186/1472-6882-8-33

A cura di Paolo Barbagli
Per leggere il full text: clicca qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *