+39 049 836 4121

il cancerogeno mammario 2 amino 1 metil 6 fenilimidazo45 bpiridina phip che si produce con la cottura della carne provoca risposte micro rna simil estrogeniche nelle cellule di cancro del seno

La cottura della carne genera amine eterocicliche (HCA) delle quali quella presente in quantità maggiori è la 2-amino-1metil-6-fenilimidazo[4-5-b] piridina (PhIP). Studi epidemiologici, meccanicisti e su animali indicano che la PhIP possa avere un nesso causale con l’incidenza del cancro al seno. Oltre alla provata azione mutagena e di danneggiamento del DNA è riportato che questa sostanza chimica abbia un’attività estrogenica che può contribuire alla sua carcinogenicità tessuto-specifica. In questo studio abbiamo analizzato l’effetto del trattamento con PhIP e 17 – beta-estradiolo (E2)  sull’ espressione del micro RNA globale (miRNA) della linea di cellule MCF-7 dell’adenocarcinoma mammario umano responsive agli estrogeni. PhIP e E2 hanno causato effetti diffusi e largamente sovrapposti sull’espressione del miRNA,  ed è stato riportato che molti dei miRNA comune- mente  influenzati siano regolati dagli estrogeni  e sono stati implicati nell’inizio e nella progressione del cancro al seno. E’ prevedibile che l’attività regolatoria dei microRNA , che in questo studio dimostriamo rispondere al trattamento con PhIP, intervenga anche nei fenotipi cellulari  associati all’esposizione al PhIP. Di conse- guenza questo studio fornisce un sostegno ulteriore alla capacità del PhIP di indurre effetti diffusi mediante l’attivazione del recettore alfa degli estrogeni (ER alfa). Inoltre indica che la deregolazione del micro RNA dovuta al PhIP potrebbe essere potenzialmente un importante meccanismo carcinogenetico dell’adenocarcinoma mammario, non basato su danneggiamento del DNA.

Papaioannou MD, Koufaris C, Gooderham NJ. The cooked meat-derived mammary carcinogen 2-amino-1-methyl-6-phenylimidazo[4,5-b]pyridine (PhIP) elicits estrogenic-like microRNA responses in breast cancer cells. Toxicol Lett. 2014, 17; 229:9-16

A cura di: Francesco Ceccherelli
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *