+39 049 836 4121

L’efficacia dell’agopuntura nella gestione di pazienti con prostatite cronica o sindrome pelvica cronica una revisione sistematica e metanalisi

Scopo dello studio è effettuare una revisione sistematica di studi randomizzati controllati pubblicati che mettono a confronto l’efficacia dell’agopuntura con l’agopuntura sham o il trattamento medico standard nella gestione dei pazienti con prostatite cronica o sindrome pelvica cronica.
E’ stata effettuata una ricerca sistematica in letteratura in Pubmed, Embase, Airiti, China Journal Net rilevando tutti gli studi randomizzati controllati che mettono a confronto l’efficacia dell’agopuntura con l’agopuntura sham o gli alfa-bloccanti, gli antibiotici, gli antinfiammatori in pazienti con prostatite cronica o sindrome pelvica cronica.

Gli studi hanno utilizzato l’agopuntura manuale, l’elettroagopuntura e l’impianto di catgut.

I punti utilizzati sono stati vari (vedi figura 1).
Gli endpoint dello studio sono stati il tasso di risposta al trattamento, la scala NIH-CPSI (National Institute of Health-Chronic Prostatitis Index, composta da tre sfere di valutazione: dolore, svuotamento vescicale e qualità di vita, punteggio 0-43, punteggio più alto equivale a quadro clinico peggiore) e la modificazione del punteggio alla IPSS (International Prostate Symptom Score, composta da due sfere di valutazione: svuotamento vescicale e continenza, punteggio 0-35, punteggio più alto equivale a quadro clinico peggiore).

Tre studi hanno paragonato l’agopuntura con l’agopuntura sham, quattro l’agopuntura con il trattamento medico. I risultati hanno mostrato la superiorità dell’agopuntura rispetto all’agopuntura sham per quanto riguarda il tasso di risposta e la riduzione dei punteggi NIH-CPSI e IPSS, escludendo quindi l’effetto placebo. Ripetto al trattamento medico l’agopuntura ha mostrato un tasso significativamente superiore di risposta clinica. Non vi sono invece differenze significative tra i due gruppi per quanto riguarda i punteggi NIH-CPSI e IPSS.

L’agopuntura appare una terapia promettente nella gestione dei pazienti con prostatite cronica o sindrome pelvica cronica. Rispetto alla terapia medica ha una migliore efficacia ed un tasso di complicanze sovrapponibile. Tuttavia sono necessari ulteriori studi al fine di selezionare meglio la tipologia di pazienti che ne potrebbe beneficiare e la durata del beneficio clinico.

SPUNTI PER LA DISCUSSIONE
Recentemente studi sulla terapia farmacologica hanno mostrato una maggiore efficacia degli antibiotici e degli alfa – litici rispetto agli antinfiammatori. I risultati riguardanti il confronto tra l’efficacia dell’agopuntura e dei farmaci relativamente alle scale NIH-CPSI e IPSS non sono dirimenti; tuttavia il tasso di risposta dell’agopuntura appare superiore a quello dei farmaci. Pertanto l’agopuntura, se disponibile, potrebbe essere utilizzata nella pratica clinica come trattamento di prima linea in pazienti che non mostrano infezione batterica.

Non è chiaro il meccanismo di funzionamento dell’agopuntura, tuttavia le principali ipotesi comprendono la neuromodulazione, l’immuno – modulazione e l’effetto antinfiammatorio. I punti utilizzati nei vari studi considerati sono collocati nella zona sacrale; tuttavia non sono stati esclusi anche punti distanti o punti auricolari, a dimostrazione del fatto che oltre all’azione locale è importante anche l’effetto sistemico probabilmente legato all’utilizzo di punti distanti.

Sotto il profilo delle complicanze l’agopuntura si è dimostrata sicura e sovrapponibile alla terapia farmacologica.
Lo studio presenta alcuni limiti: in particolare si evidenza la  scarsità di studi di qualità alta che paragonano i farmaci all’agopuntura; nell’ambito di tali studi spesso i criteri di inclusione sono eterogenei, così come i protocolli di trattamento all’interno dei quali non si possono escludere possibili interazioni o modifiche sull’effetto della terapia. Le misure di outcome utilizzate nei vari studi differiscono e generalmente il periodo di follow- up è breve e pertanto non è possibile stabilire la durata dell’efficacia clinica. I vari studi non sono selettivi su un tipo di stimolazione con agopuntura (manuale, elettrica ecc.) e non selezionano sottocategorie di pazienti nelle quali il trattamento con agopuntura potrebbe essere più efficace. Pertanto, pur emergendo una buona efficacia del trattamento con agopuntura, sono necessari ulteriori studi di qualità metodologica elevata per ottenere risultati definitivi.

Chang SC, Hsu CH, Hsu CK, Yang SS, Chang SJ. The efficacy of acupuncture in managing patients with chronic prostatitis/chronic pelvic pain syndrome: A systemic review and meta-analysis. Neurourol Urodyn. 2016 Jan 6

A cura di: Alessandro Midiri
Per leggere il full text: clicca qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *