+39 049 836 4121

L’IMPATTO DEGLI EVENTI STRESSANTI DELLA VITA SUL PEGGIORAMENTO DEL MAL DI SCHIENA CRONICO

L’impatto degli eventi stressanti di vita rispetto allo sviluppo ed all’insorgenza della cronicità del mal di schiena non è stato ancora pienamente compreso. Per indagare questa variabile è stato condotto un esperimento su sessantaquattro pazienti affetti da mal di schiena cronico, in cura presso l’Unità Ortopedica Ambulatoriale dell’Ospedale Universitario di Innsbruck, studiati anche riguardo gli eventi di vita stressanti. I pazienti sono stati classificati e suddivisi in due gruppi: il primo gruppo riguardava pazienti il cui dolore aveva un’ eziologia organica (n=16), mentre il secondo gruppo consisteva di pazienti di cui l’origine della sindrome dolorosa era di origine incerta (gruppo idiopatici, n=48). E’ stato impiegato un metodo che combinava un’intervista semi-strutturata con un’autovalutazione della gravità dello stress causato dagli eventi di vita per valutare l’impatto di tali eventi sul mal di schiena cronico. I due gruppi non differivano per genere, sesso, età e stato sociale. Tutti i pazienti dovevano ricordare 140 eventi di vita nei due anni che precedevano il peggioramento del dolore; 5 eventi venivano considerati come causati dal dolore (tipo la perdita del lavoro) e, quindi, esclusi da ulteriori analisi dei dati. I restanti 135 riguardavano eventi di famiglia e conflitti, 26 nell’ambiente lavorativo e 53 nelle altre aree. Dei 135 eventi, 88 erano giudicati associati alla perdita di lavoro. Nel confronto con il gruppo di pazienti che presentavano una causa organica del dolore, il gruppo idiopatico ha mostrato significativamente molti più pazienti che identificavano almeno un evento altamente stressante precedente l’ultimo sostanziale aggravamento del dolore (p=0.028). Quest’ultimo gruppo ha sperimentato significativamente più spossatezza (p=0.016) e più difficoltà nel coping attivo (p=0.011) quando confrontato con gli eventi stressanti di vita. Gli autori hanno commentato l’esito dell’esperimento sostenendo che eventi stressanti di vita, che provocano sentimenti di impotenza, possono contribuire allo sviluppo del mal di schiena idiopatico. I risultati enfatizzano l’importanza di indagare sul significato soggettivo e sulla valutazione degli eventi stressanti di vita, prendendo in considerazione sia la predisposizione individuale che le risorse psicosociali disponibili al paziente. Infine, è anche importante che il medico curante sia consapevole di ogni evento di vita che è particolarmente stressante per il paziente, in modo che l’aiuto psicosociale sia messo a disposizione al momento opportuno. COMMENTO. Aumentano sempre più le evidenze scientifiche di quanto lo stress possa avere un impatto negativo sul decorso delle malattie croniche, ma sono ancora pochi gli studi clinici su ciò, probabilmente, perché è difficile risalire all’insorgenza del dolore. I risultati degli studi sono controversi: Fuerstein et al. usano l’SRRS (Social Readjustments Rating Scale) nei loro studi, raccogliendo dati sugli eventi di vita precedenti al ricovero presso la loro clinica; al contrario, Craufurd et al. hanno raccolto dati sull’importanza della situazione di comparsa della malattia, usando LEDS (Life Events and Difficulties Schedule), non trovando, però, alcuna differenza tra pazienti con cause idiopatiche e cause funzionali. Altri ricercatori invece hanno dato molta importanza alla predisposizione individuale e alle risorse psicosociali. Questo studio risulta importante perche ha esaminato gli eventi stressanti di vita nei pazienti con mal di schiena cronico idiopatico, tenendo in considerazione sia la predisposizione individuale, sia le risorse psicosociali disponibili nei momenti in cui si verificavano eventi stressanti.
THE IMPACT OF STRESSFUL LIFE EVENTS ON EXACERBATION OF CHRONIC LOW-BACK PAIN – Astrid Lampe, Wolfgang Sollner, Martin Krismer, Gerhard Rumpold, Wilhelm Kantner-Rumplmair. Michael Ogon and Gunther Rathner. Journal of Psychosomatic Research, vol.44, n. 5, pp.555-563, 1998
A cura di: Valentina Cincotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *