+39 049 836 4121

La prolungata ripetizione della stimolazione agopunturale induce un effetto di assuefazione nella aree cerebrali correlate con il dolore

Studio con risonanza magnetica funzionale Fmri

La maggior parte degli studi sulle risposte del cervello all’ agopuntura sono stati progettati per studiare l’ effetto immediato dell’ agopuntura, mentre l’effetto cumulativo che dovrebbe essere più importante nella pratica clinica è stato discusso raramente.
In questo studio è stata analizzata la base nervosa dell’effetto agopunturale cumulativo. Per questo esperimento, quaranta volontari sani sono stati reclutati, in cui è stato effettuata più di 40 minuti di stimolazione agopunturale ripetuta nel punto terapeutico Zhusanli (ST36). Tre sessioni di misurazione con  fMRI sono state effettuate ed ognuna in corrispondenza di due periodi di stimolazione degli aghi di durata differente.

Oltre ad un’analisi generale del modello lineare (GLM), gli effetti cumulativi dell’ agopuntu-ra sono stati studiati con l’analisi della covarianza (ANCOVA) per trovare l’associazione tra la risposta del cervello e la durata complessiva della stimolazione agopuntura in ogni blocco di stimolazione. I risultati sperimentali hanno mostrato che la risposta cerebrale nella fase iniziale era la più forte anche se la risposta del cervello all’ agopuntura dipendeva dal tempo.

In particolare, le aree del cervello che sono state attivate ??nel primo blocco e le aree cerebrali che hanno dimostrato effetti cumulativi nel corso della stimolazione agopunturale ripetuta si sovrappongono ai settori correlati al dolore includendo, la corteccia mediale cingolata bilaterale, il lobulo paracentrale bilaterale, l’area corticale SII , ed il talamo di destra. Inoltre, gli effetti cumulativi dimostrano caratteristiche bimodali, ossia la risposta del cervello è positiva all’inizio, e diventa negativa alla fine.

È stato suggerito che l’effetto cumulativo della stimolazione agopunturale ripetuta sia coerente con la caratteristica degli effetti riscontrati nell’ assuefazione. Questa osservazione potrebbe spiegare il meccanismo neurofisiologico sottostante l’ analgesia agopunturale.

Commento del curatore: Questo lavoro, il cui abstract è scritto male già in originale, affronta un tema importante della terapia agopunturale, l’assuefazione allo stimolo. Ciò accade anche nella pratica clinica in cui si osserva come nella maggior parte dei casi la massima efficacia terapeutica si ha nella prime sedute e nel rischio che un numero troppo elevato di sedute porti, non solo ad una inefficacia della stimolazione, ma addirittura alla tolleranza agopunturale.

Li C, Yang J, Park K, Wu H, Hu S, et al. (2014) Prolonged repeated acupuncture stimulation Induces Habituation Effects in Pain-Related Brain Areas: An fMRI Study. PLoS ONE 9(5): e97502. doi:10.1371/journal.pone.0097502

A cura di. Francesco Ceccherelli

Per leggere il full text: clicca qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *