+39 049 836 4121

La soglia del dolore e della detezione sensoriale in risposta alla’gopuntura e modulata da una strategia di coping e dalla sensazione dell’agopuntura

Introduzione.
E’ stato dimostrato che l’agopuntura riduce il dolore e la sensazione agopuntura-indotta può essere importante ai fini dell’analgesia. Inoltre le strategie cognitive di “coping” (in psicologia, significa mettere in atto degli sforzi coscienti per affrontare e risolvere problematiche personali ed interpersonali, cercando di dominare, minimizzare o tollerare lo stress e i conflitti) possono influenzare la percezione sensoriale. Comunque il ruolo di una strategia di “coping” sulla modulazione delle soglie del dolore e della sensibilità in agopuntura e l’associazione della sensazione all’agopuntura e questi effetti modulatori è ancora poco conosciuta.

Metodi.
L’elettroagopuntura (EA) è stata applicata sugli agopunti ST36 e GB39 di 61 volontari sani. Condizioni di “coping” diverse sono state sperimentalmente definite per formare un gruppo con una strategia di “coping” attiva (gruppo AC)che pensava di poter controllarel’intensità dell’elettrostimolazione e un gruppo con una strategia di “coping” passiva (gruppo PC) che non poteva avere alcun controllo. Comunque nessun dei due gruppi in realtà poteva controllare l’intensità dello stimolo dell’elettrostimolazione. Prima e dopo l’esecuzione dell’EA, sono stati eseguiti dei test sensoriali quantitativi con valutazione della soglia di vibrazione (VDT), meccanica (MDT), al calore (WDT), al freddo (CDT) e la soglia del dolore alla pressione (PPT), meccanica (MPT), al calore (WPT), al freddo (CPT). Misure della risposta autonomica (es. risposta alla conduttanza cutanea, SCR) sono state acquisite per quantificare la risposta fisiologica all’EA in condizioni di “coping” differenti. Inoltre i soggetti riportavano l’intensità di ogni sensazione agopuntura-indotta.

Risultati.
Le strategie di“coping”sono state indotte con successo nel 58% dei soggetti del gruppo AC. Comparandolo con il gruppo PC, quella AC ha dimostrato un maggior SCR all’EA. Nel gruppo AC, l’EA ha ridotto PPT e CPT; ha migliorato il dolore e la soglia sensoriale correlate con la sensazione di agopuntura (variazioni VDT vs. MI o Mass Index: r=0.58, variazioni CDT vs. formicolii: r=0.53, variazioni CPT vs. formicolii: r=0.55, variazioni CPT vs. intorpidimento: r=0.55). Comunque, nel gruppo PC, il miglioramento della soglia sensitiva si correlava negativamente con la sensazione dell’agopuntura (variazioni CDT vs. intensità sensitizzazione:r=0.52; modificazioni WDT vs. sensazione di pienezza: r=-0.57).

Conclusioni.
Questo nuovo approccio ha evidenziato in modo soddisfacente l’induzione di strategie di “coping” nei gruppi AC e PC da stimolazione elettroagopunturale. L’interazione fra una strategia di “coping” psicologico e l’intensità della sensazione dell’agopunturapuò modulare in modo differente la soglia del dolore e quella della detezione sensorialein risposta all’EA. In un contesto clinico, i risultati dello studio suggeriscono che le istruzioni fornite al paziente possono influire sull’outcome terapeutico significativamente e la relazione tra intensità dell’agopuntura e risposta clinica. Specificatamente, l’analgesia agopunturale può essere migliorata associando l’intensità dello stimolo fisico con le strategie psicologiche di “coping” nei vari contesti.

Lee J, Napadow V, Park K. Pain and sensorydetectionthresholdresponse to acupunctureismodulated by copingstrategy andacupuncturesensation.
Lee et al. BMC Complementary and Alternative Medicine 2014, 14:324

A cura di: Rossana Dezzoni

Per leggere il full text: clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *