+39 049 836 4121

Le Ricette della Medicina cinese classica

Inaugurazione

Con questo numero “inauguriamo” un nuovo  capitolo: le ricette agopunturistiche della Medicina cinese classica. Non si creda che ricorrere alla stimolazione di punti in qualche modo “precostituiti” sia un “territorio” solo della Neuroriflessoterapia. Anche nella antichità  venivano  codificati  “protocolli di punti”.

Sequenza di Sunn Si Miao

In questo numero esaminiamo una sequenza molto antica il cui Autore è Sun Si Miao, medico del VII° secolo.
La triade che consideriamo è DU 20 (Bai Hui), CV 17 (Shang Zhong) e KI 1 (Yong Quan).
Questi 3 punti corrispondono a una delle “Triadi”  più comuni della medicina cinese : il Cielo, l’ Uomo e la Terra.

La logica energetica

Secondo la logica classica  mentre  Cielo (20 VG) ci regala una  “energia pura” la Terra (KI 1) ci fornisce l’impuro e l’ Uomo (17 CV) deve avere la saggezza di  distinguere e conoscere ciò che è puro da ciò che non lo è. In pratica sottesa a questa frase vi è la capacità di separare quello che è buono è utile per noi da ciò che non lo è.  Quindi in una prima fase questo trattamento è indirizzato  ai soggetti che compiono scelte “sbagliate” nel loro stile di vita.

Indicazioni cliniche

Quindi per fare alcuni esempi questa sequenza è utile a quei soggetti che mangiano troppo e male, che fumano troppo o che sono legati indissolubilmente alla sedentarietà ecc. ecc.
E non tanto e non solo per mangiare meno e meglio quanto specialmente per “osservarsi” con un altri occhi. Insomma per cambiare.
Ma insito in questo trattamento dei Tre tesori (lo Shen, Spirito datoci dal Cielo – VG 20, l’essenza – Jing dalla Terra – KI 1) si è l’idea della sincronizzazione dei ritmi del corpo. In parole semplici questo trattamento è utile per sincronizzare l’uomo con i suoi ritmi più profondi . Quindi in primis la Triade proposta tratta  i disturbi da Jet – lag ma anche in moltissimi altri  che nascono, ad esempio,  da cambiamenti geografici. Segnaliamo  i “segni” legati al passaggio dalla montagna al mare, magari in immersione,  oppure il passaggio in luoghi dove si parla una lingua diversa o si utilizzano cibi inusuali, che “non riusciamo a “digerire”..

Alchimia interna

Non si può nascondere infine che l’Autore classico aveva formulato questa sequenza per stimolare i cambiamenti profondi dell’individuo. Per secoli si erano praticate “tecniche alchemiche” utilizzando minerali a volte in quantità tossica (cosiddetta  Alchimia esterna). Con Sun Si Miao prende l’avvio  “l’alchimia interna” dove lo stimolo al cambiamento necessario veniva spinto da tecniche sicuramente molto meno pericolose come, appunto, l‘ Agopuntura.

A cura di: Maurizio Corradin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *