+39 049 836 4121

Craniotomia in elettroagopuntura a paziente sveglio.

Sebbene l’agopuntura esista da più di 2000 anni, l’applicazione nell’ambito dell’anestesia è iniziata in Cina negli anni ’50. La prima procedura eseguita mediante anestesia effettuata con l’agopuntura fu una tonsillectomia. Subito dopo altre procedure di chirurgia minore e maggiore (dalle estrazioni dentali alla chirurgia cardiotoracica) furono eseguite con il solo ausilio dell’elettroagopuntura. L’uso di questa metodica in neurochirurgia è ben documentata in vari ospedali cinesi, in particolare a Pechino, negli anni ’70.

Questo è un caso clinico di un uomo di 65 anni che presentava emiparesi destra; era affetto da diabete mellito non controllato, ipertensione, sindrome delle apnee notturne in terapia con CPAP notturna. Alla TC era stato evidenziato un quadro di ematoma subdurale acuto su cronico. A causa delle molteplici co-morbidità è stato deciso di eseguire l’intervento neurochirurgico in anestesia eseguita solo con l’elettroagopuntura. La craniotomia è stata eseguita a paziente sveglio, gli agopunti scelti erano GB3, GB14, GB19, GB20, la frequenza pari a 50 Hz e l’intensità di 12 mA, senza bisogno di somministrare alcun anestetico durante l’intervento, durato un’ora.

L’uso dell’elettroagopuntura è molto utile in neurochirurgia in quanto l’uso di farmaci e anestetici possono alterare l’autoregolazione cerebrale, la concentrazione di CO2 e quindi indurre vasodilatazione e aumento della pressione intracranica; inoltre l’assenza di effetti collaterali nel post-operatorio e i vantaggi di eseguire determinati interventi neurochirurgici a paziente sveglio, rendono questa procedura particolarmente indicata.  Questo caso clinico dimostra come è stato possibile eseguire una craniotomia a paziente sveglio affetto da varie co-morbidità che avrebbero determinato un elevato rischio operatorio se il paziente fosse stato sottoposto ad anestesia generale.

Amritpal Sidhu, Trushna Murgahayah, Vairavan Narayanan, Hari Chandran, Vicknes Waran. Electroacupuncture-Assisted Craniotomy on an Awake Patient. J Acupuncture Meridian Stud 2017;10(1):45-48.

A cura di: Rossana Dezzoni
Per leggere il full text: clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *