+39 049 836 4121

Il dolore neuropatico è un costo sociale: pensiamoci con l’agopuntura.

Tens, dolore neuropatico, allodiniaStimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS) per il dolore neuropatico nell’adulto

Premessa

Il dolore neuropatico, dovuto a malattie o a danni a strutture nervose , rappresenta un onere significativo per le persone e la società. Può essere particolarmente spiacevole e può essere difficile ottenere un adeguato controllo dei sintomi. Metodi di trattamento non farmacologici sono spesso impiegati da persone con dolore neuropatico e possono includere la stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS). Questa review sostituisce una review Cochrane “Stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS) per il dolore cronico” (Nnoaham 2014) e un protocollo ritirato “Stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS) per il dolore neuropatico negli adulti” (Claydon 2014). Questa recensione sostituisce il protocollo originale per il dolore neuropatico che è stato ritirato.

Obiettivi

Determinare l’efficacia analgesica della TENS rispetto alla TENS placebo (sham TENS), della TENS rispetto alle cure abituali, della TENS rispetto a nessun trattamento e della TENS oltre alle normali cure versus le sole normali cure nella gestione del dolore neuropatico negli adulti.

Metodi di ricerca.

Abbiamo effettuato una ricerca in CENTRAL, MEDLINE, Embase, PsycINFO, AMED, CINAHL, Web of Science, PEDro, LILACS (fino a settembre 2016) e in vari registri di studi clinici. Abbiamo anche cercato le bibliografie degli studi inclusi per ulteriori studi pertinenti.

Criteri di selezione

Abbiamo incluso studi randomizzati e controllati in cui la TENS è stata valutata nel trattamento del dolore neuropatico centrale o periferico. Abbiamo incluso gli studi che hanno indagato quanto segue: TENS rispetto alla TENS placebo (sham TENS), TENS rispetto alle cure abituali, TENS versus le cure normali e TENS in aggiunta alle cure normali versus le normali cure da sole nella gestione del dolore neuropatico negli adulti.

Raccolta e analisi dei dati

Due autori della review hanno vagliato in modo indipendente tutti i risultati della ricerca nel database e identificato i documenti che richiedevano una valutazione full-text. Successivamente, i due autori della revisione hanno applicato indipendentemente i criteri di inclusione / esclusione a questi studi. Gli stessi autori della revisione hanno quindi estratto indipendentemente i dati, valutato per il rischio di parzialità usando lo strumento standard Cochrane e valutato la qualità delle prove usando GRADE.

Risultati principali

Abbiamo incluso 15 studi con 724 partecipanti. Abbiamo trovato una varietà di protocolli di trattamento in termini di durata della cura, tempi di applicazione TENS e intensità di applicazione. In breve, la durata delle cure variava da quattro giorni a tre mesi. Allo stesso modo, abbiamo trovato una variazione dei tempi di applicazione TENS; da 15 minuti a sessioni di un’ora applicate quattro volte al giorno.

Intensità della TENS

In genere abbiamo riscontrato che l’intensità della TENS viene impostata in modo da provocare un formicolio percepibile confortevole con pochissimi studi che titolano la dose per mantenere questa percezione. Dei confronti che avevamo pianificato di esplorare, siamo stati in grado di intraprendere una sintesi quantitativa solo per TENS versus sham TENS. Dati insufficienti e una grande diversità nelle condizioni di controllo ci hanno impedito di intraprendere una sintesi quantitativa per i restanti confronti.

TENS vs sham TENS

Per quanto riguarda TENS vs sham TENS , cinque studi erano adatti per l’analisi aggregata. Abbiamo descritto il resto degli studi in forma narrativa. Nel complesso, abbiamo valutato 11 studi ad alto rischio di parzialità e quattro con rischio poco chiaro. A causa del numero limitato di studi ammissibili, degli elevati livelli di rischio di parzialità negli studi e delle dimensioni ridotte del campione, abbiamo valutato la qualità dell’evidenza molto bassa per l’analisi aggregata e una valutazione GRADE individuale molto bassa dei risultati di singoli studi. Per i singoli studi discussi in forma narrativa, i limiti metodologici, la qualità dei rapporti e la natura eterogenea degli interventi comparati non hanno consentito stime globali affidabili dell’effetto della TENS.

Cinque studi (di varie condizioni neuropatiche), che studiavano l’intensità del dolore usando una scala analogica visiva, erano adatti per l’analisi aggregata di TENS vs sham TENS . Abbiamo trovato una differenza media post-intervento nell’entità dell’effetto che favorisce la TENS di -1,58 (intervallo di confidenza al 95% (CI) da -2,08 a -1,09, P <0,00001, n = 207, sei confronti da cinque studi) (qualità dell’evidenza molto bassa).

Non vi è stata eterogeneità significativa in questa analisi. Sebbene ciò avesse superato la nostra prespecificata differenza minimamente importante per gli esiti del dolore, abbiamo valutato la qualità delle prove come molto bassa, il che significa che abbiamo poca fiducia in questa stima degli effetti e che l’effetto reale è probabilmente sostanzialmente diverso da quello riportato in questa recensione. Solo uno studio di questi cinque ha studiato la qualità della vita correlata alla salute come esito, il che significa che non siamo stati in grado di riferire su questo risultato in questo confronto.

Analisi del consumo di farmaci

Allo stesso modo, non siamo stati in grado di riferire sull’impressione globale del cambiamento o dei cambiamenti nell’uso di analgesici in questa analisi aggregata.
Dieci piccoli studi hanno confrontato la TENS con una qualche forma di cura abituale. Tuttavia, c’era una grande diversità in ciò che costituiva la cura usuale, che ha impedito il raggruppamento di dati. La maggior parte di questi studi non ha riscontrato differenze negli esiti del dolore tra TENS rispetto ad altri trattamenti attivi , né ha favorito l’intervento del comparatore (prove di qualità molto bassa). Non siamo stati in grado di riferire su altri risultati primari e secondari in questi singoli studi (qualità della vita correlata alla salute, impressione globale di cambiamento e cambiamenti nell’uso dell’analgesico).

Effetti collaterali

Dei 15 studi inclusi, tre hanno riportato eventi avversi lievi e limitati a “irritazione cutanea” in corrispondenza o attorno al sito di posizionamento degli elettrodi ( qualità dell’evidenza molto bassa). Tre studi non hanno riportato eventi avversi, mentre il resto non ha riportato dettagli in merito agli eventi avversi.

Conclusioni degli autori

In questa recensione, abbiamo riportato il confronto tra TENS e sham TENS . La qualità delle prove era molto bassa, il che significa che non siamo stati in grado di affermare con sicurezza se la TENS sia efficace per il controllo del dolore nelle persone con dolore neuropatico. La qualità molto bassa delle prove significa che abbiamo una fiducia molto limitata nella stima dell’effetto riportata; il vero effetto sarà probabilmente sostanzialmente diverso. Raccomandiamo in merito ai futuri progetti di studio sulla TENS che possano ridurre significativamente l’incertezza relativa all’efficacia di questa modalità di trattamento.

Transcutaneous electrical nerve stimulation (TENS) for neuropathic pain in adults William Gibson, Benedict M Wand, and Neil E O’Connell. Cochrane Database Syst Rev. 2017 Sep; 2017(9): CD011976. Published online 2017 Sep 14. doi: 10.1002/14651858.CD011976.pub2

A cura di: Francesco Ceccherelli

Per leggere il full text: clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *