+39 049 836 4121

E’ efficace l’agopuntura nel trattamento del dolore endometriosico?

L’endometriosi (EM) è una condizione multifattoriale caratterizzata tipicamente da storia di dolore addomino-pelvico ed infertilità; essa si associa molto spesso a sindrome dell’intestino irritabile e a cistite interstiziale; il vero meccanismo patogenetico alla base dell’EM non è ancora completamente noto. Le pazienti affette da EM lamentano spesso un dolore di tipo intermittente o continuo, a volte acuto e con caratteristiche estremamente variabili (pungente, sordo, urente ecc.).

Nelle pazienti affette molto spesso è possibile rilevare la presenza di trigger points muscolari in corrispondenza dei muscoli larghi addominali (trigger che contribuiscono a loro volta ad abbassare la soglia dolorifica). Spesso pazienti anche con grado di malattia localizzato e del tutto iniziale possono presentare quadri clinici algici molto importanti (mancanza di correlazione tra severità di malattia e dolore). L’iperalgesia’ che si riscontra nelle EM potrebbe essere spiegata mediante un meccanismo di ‘facilitazione’ centrale (wind up) ed è proprio in questa ottica che risulta di estrema importanza l’identificazione di precise ed efficaci strategie di trattamento del dolore.

Come è noto le consuete terapie antidolorifiche risultano spesso parzialmente efficaci (se non non del tutto inefficaci) e sono gravate frequentemente da notevoli effetti collaterali. L’agopuntura (AP) sia per la sua riconosciuta efficacia nel trattamento del dolore ma ancor più per le sue capacità di neuromodulazione può rappresentare un valido strumento nel trattamento del dolore endometriosico. Lo scopo di questo lavoro è stata una review degli articoli presenti in letteratura concernenti l’impiego dell’AP in nel trattamento del dolore endometriosico. Dall’analisi della letteratura sono stati considerati cinque studi dei quali, dopo scrematura, ne sono stati selezionati tre (campione totale di 99 donne di età compresa tra i 13 ed i 40 anni, tutte affette da endometriosi). Nei tre lavori le pazienti erano state trattate con AP somatica settimanale (trattamento con l’impiego di 7-12 aghi per paziente/seduta, durata del trattamento 15-25 minuti) per un totale di 9-12 sedute (1-2 sedute/settimana). Il disegno degli studi era analogo e cioè la valutazione del dolore (misurato mediante diverse scale unidimensionali – Visual Analog Scale, Numeric Rating Scale e Verbal Rating Scale) e della Qualità di Vita (QOL) all’inizio ed alla fine del trattamento agopunturale. Risultati: in tutti e tre i lavori si è assistito ad una riduzione della VAS post trattamento con AP ed in due di essi ad un deciso incremento nella QOL delle pazienti trattate.

Discussione: si tratta evidentemente di una review molto scarna e dai numeri estremamente risicati (3 lavori per un totale di 99 pazienti). L’interesse dello stesso però risiede sicuramente nella ulteriore, ennesima conferma dell’efficacia dell’agopuntura come ‘terapia antalgica alternativa’ ma ancor più nella sua dimostrazione di efficacia sul dolore cronico, inteso come ‘malattia dolore’ (o dolore ‘strutturato’) grazie alla sua grande azione neuromodulatrice. Nei tre lavori sono state impiegate tecniche agopunturali diverse ma tutte rispettose dei principi classici dell’agopuntura: puntura metamerica e puntura extrametamerica, durata della stimolazione intorno ai 25’, frequenza dei trattamenti e durata degli stessi. Dalla disamina dei tra articoli considerati, infine, non risulta evidente quale delle tecniche impiegate sia la più efficace (agopuntura superficiale o profonda, stimolazione leggera o intensa ecc., frequente o meno frequente) molto probabilmente a dire che diverse tecniche si possono equivalere dal punto di vista dell’efficacia. Infine, ma aspetto a mio avviso di non trascurabile importanza, da segnalare l’assoluta assenza di effetti collaterali registrati.

Lund I, Lundeberg T, Is acupuncture effective in the treatment of pain in endometriosis? J Pain Res. 2016 Mar 24;9:157-65. doi: 10.2147/JPR.S55580. eCollection 2016.

A cura di: Mario Biral e Rossana Dezzoni
Per leggere il full text: clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *