+39 049 836 4121

EEG ed agopuntura

Modulazione della potenza spettrale e connettività funzionale nel cervello umano mediante stimolazione con agopuntura.

Introduzione

L’agopuntura, come stimolazione esterna, può produrre effetti clinici attraverso il sistema nervoso centrale. Al fine di studiare l’efficacia modulatoria dell’agopuntura sull’attività cerebrale, i segnali EEG multicanale evocati dall’agopuntura nel punto terapeutico “Zusanli” sono stati registrati da soggetti umani sani in tre stati: pre-agopuntura, agopuntura e post-agopuntura.

Metodi

La densità spettrale di potenza viene utilizzata per la prima volta per analizzare la variazione di potenza EEG durante l’ agopuntura.

Risultati

Si è riscontrato che la potenza EEG è aumentata in modo significativo nelle bande delta e alfa durante l’agopuntura e il livello elevato potenza è rimasto nella banda alfa dopo l’agopuntura. Quindi, abbiamo calcolato l’indice di ritardo di fase per quantificare la sincronizzazione di fase dei canali a coppie. Durante l’ agopuntura, le bande delta e alfa presentano un grado di sincronizzazione significativamente più elevato rispetto allo stato pre-agopuntura. Inoltre, il post-effetto dell’agopuntura può essere osservato nella banda alfa in quanto il grado di sincronizzazione elevato rimane nello stato post-agopuntura. Inoltre, vengono ricostruite le reti cerebrali funzionali convertite dalla matrice di sincronizzazione in ciascuna banda. L’agopuntura aumenta le connessioni a lungo raggio tra emisferi sinistro e destro e cambia la posizione dei nodi principali. Le metriche della teoria del grafico vengono estratte per esplorare il cambiamento della connettività funzionale nei diversi stati.

Conclusioni

Il risultato mostra che le reti funzionali nelle bande delta e alfa sono reti small world (SWN) e l’agopuntura migliora l’efficienza SWN della rete funzionale.

Modulation of Spectral Power and Functional Connectivity in Human Brain by Acupuncture Stimulation.Yu H, Wu X, Cai L, Deng B, Wang J. IEEE Trans Neural Syst Rehabil Eng. 2018 May;26(5):977-986. doi: 10.1109/TNSRE.2018.2828143.

A cura di: Francesco Ceccherelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *