+39 049 836 4121

Effetti modulatori dell’agopuntura sulle reti cerebrali in pazienti con lieve danno cognitivo

La risonanza magnetica funzionale è stata ampiamente usata per studiare gli effetti dell’agopuntura sull’attività neurale. Tuttavia la maggior parte degli studi sulla risonanza magnetica funzionale si sono concentrati sulle variazioni acute nella attivazione cerebrale indotte dall’agopuntura. Quindi l’andamento nel tempo degli effetti terapeutici dell’agopuntura rimane non chiaro. In questo studio 32 pazienti con un’anamnesi di danno cognitivo lieve sono stati divisi random in due gruppi dove hanno rivevuto o l’agopuntura Tiaoshen Yizhi o la sham agopuntura. Gli aghi venivano ruotati sia in corrispondenza dei punti Tiaoshen Yizhi che includevano Sishencong (EX-HN1), Yintang (EX-HN3), Neiguan (PC6), Taixi (KI3), Fenglong (ST40), and Taichong (LR3), sia in corrispondenza dei relativi punti sham, ad una profondità di circa 15mm, con un angolo ± 60° ed una frequenza di circa 120 volte al minuto. L’agopuntura è stata condotta per 4 settimane consecutive, cinque volte alla settimana, nei giorni feriali. Le immagini della risonanza magnetica funzionale nello stato di riposo indicavano che le connessioni tra le regioni correlate alla cognizione, come l’insula, la corteccia prefrontale dorsolaterale, l’ippocampo, il talamo, il lobulo parietale inferiore e la corteccia cingolata anteriore, aumentavano dopo l’agopuntura nei punti Tiaoshen Yizhi. L’insula. La corteccia prefrontale dorsolaterale e l’ippocampo agivano come centri  cerebrali. I pazienti del gruppo Tiaoshen Yizhi hanno evidenziato una performance cognitive migliorata dopo l’agopuntura. Nel gruppo della sham agopuntura le connessioni tra le regioni cerebrali si disperdevano e non si rilevava nessuna differenza nella funzione cognitiva dopo il trattamento. Questi risultati indicano che l’agopuntura in corrispondenza dei punti Tiaoshen Yizhi può regolare i networks cerebrali mediante l’aumento delle connessioni tra regioni correlate alla cognitività, migliorando così la funzione cognitiva in pazienti con lieve danno cognitivo.

Tan TT, Wang D, Huang JK, Zhou XM, Yuan X, Liang JP, Yin L, Xie HL, Jia XY, Shi J, Wang F, Yang HB, Chen SJ. Modulatory effects of acupuncture on brain networks in mild cognitive impairment patients. Neural Regen Res. 2017 Feb;12(2):250-258. doi: 10.4103/1673-5374.200808.

A cura di: Francesco Ceccherelli
Per leggere il full text: clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *