+39 049 836 4121

Il latte il promotore delle patologie croniche dell’Occidente

Le patologie croniche comuni delle società occidentali, come le patologie coronariche, il diabete mellito, il cancro, l’ipertensione, l’obesità, la demenza e le patologie allergiche sono influenzate in modo significativo dalle abitudini alimentari. Il latte ed i suoi derivati sono elementi nutrizionali principali nella maggior parte delle società occidentali. Il consumo di latte e prodotti derivati è raccomandato dalla maggior parte delle società di nutrizione per i suoi benefici sull’uptake di calcio e sulla mineralizzazione delle ossa e come fonte di proteine nobili. Tuttavia sono stati trascurati gli effetti avversi a lungo termine del consumo di proteine del  latte e derivati sulla salute umana. Viene presentata un’ipotesi  che evidenzia che il consumo di proteine del latte è un essenziale fattore ambientale avverso che promuove la maggior parte delle patologie croniche delle società occidentali. Il consumo di proteine del latte induce iperinsulinemia postprandiale e sposta l’asse ormone della crescita/fattore di crescita-1 insulino-simile (IGF-1) verso livelli sierici permanentemente elevati di IGF-1. Il segnale Insulina/ IGF-1 è coinvolto nella regolazione della crescita fetale, nella maturazione delle cellute T  nel timo, nella crescita lineare, nella patogenesi dell’acne, nell’aterosclerosi, nel diabete mellito, nell’obesità, nel cancro e nelle patologie neurodegenerative, influendo così sulla maggior parte delle patologie croniche delle società occidentali. Di particolare interesse è la possibilità che l’assunzione di latte durante la gravidanza abbia un’influenza negativa sulla programmazione fetale precoce dell’asse IFG-1 che potrà influire sui  rischi per la salute negli anni successivi. A rafforzare la presente ipotesi verrà fornita una raccolta di prove sugli effetti avversi del consumo di latte vaccino dalla vita fetale all’infanzia, adolescenza, età adulta e senescenza.

Melnik BC1.MILK—THE PROMOTER OF CHRONIC WESTERN DISEASES.Med Hypotheses. 2009 Jun;72(6):631-9. doi: 10.1016/j.mehy.2009.01.008. Epub 2009 Feb 15.

A cura di:Francesco Ceccherelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *