+39 049 836 4121

Stabilometria nell’osteoporosi

 

Pedana stabilometrica Cyber Sabot

Valutazione con stabilometria dei disturbi dell’equilibrio nei pazienti con osteoporosi. Una proposta per un protocollo diagnostico.

Introduzione
L’osteoporosi è una malattia sistemica che presente ridotta massa ossea e alterazioni qualitative dell’osso, associate ad un aumentato rischio di frattura. La patogenesi delle fratture da osteoporosi è multifattoriale. Il principale fattore di rischio è rappresentato dalle cadute (tranne le fratture da fragilità vertebrale che si verificano spesso in assenza di traumi).

L’invecchiamento di per sé produce cambiamenti fisiologici: ipotrofia muscolare con astenia, deficit di visus e udito insieme a patologie associate e terapie multi-farmaco. Nei pazienti con osteoporosi con fratture vertebrali si verifica un cambiamento di postura che riduce l’equilibrio.

Metodi
Dopo la valutazione posturale clinica è possibile effettuare una valutazione strumentale della postura con metodi computerizzati come la stabilometria, la baropodometria, la dinanometria e l’analisi dell’andatura. L’esame effettuato con l’uso di una pedana stabilometrica computerizzata consente la valutazione stabilometrica (valutazione dell’oscillazione del corpo) e l’esame posturometrico (valutazione dl centro di pressione in posizione eretta in condizioni di quiete).

Conclusioni
I parametri fondamentali ottenuti sono: la posizione del centro di gravità del corpo, l’area e la forma della curva di densità di oscillazione e le variabili di velocità. Il protocollo di valutazione include la valutazione dell’esame in condizioni standard e in condizione di deprivazione sensoriale temporanea (per indagare l’influenza dei vari sistemi afferenti sul mantenimento della postura e dell’equilibrio).

Una valutazione accurata del controllo posturale nei pazienti con osteoporosi costituisce uno strumento fondamentale nella valutazione del rischio di frattura dovuta alla caduta e nell’identificazione e correzione di fattori modificabili responsabili del difetto di equilibrio. Questo approccio, unitamente ad un’adeguata terapia farmacologica, può portare a una significativa riduzione delle fratture nei pazienti con osteoporosi con conseguente riduzione dell’ospedalizzazione e delle conseguenti disabilità

Cultrera P, Pratelli E, Petrai V, Postiglione M, Zambelan G, Pasquetti P. Valutazione con pedana stabilometrica dei disturbi dell’equilibrio nei pazienti con osteoporosi. Una proposta
per un protocollo diagnostico. Clin Cases Miner Bone Metab. 2010 May;7(2):123-5.

A cura di: Francesco Ceccherelli

Per leggere il full text: clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *