+39 049 836 4121

I funghi: una potenziale sorgente naturale di sostanze antiinfiammatorie per applicazioni mediche.

Da secoli i macrofunghi vengono usati come cibo e come farmaci in svariate parti del mondo. Ciò è principalmente attribuito al loro valore nutrizionale, come fonti potenziali di carboidrati, proteine, aminoacidi e minerali. Inoltre contengono molti metaboliti bioattivi che rendono i funghi ed i tartufi delle sostanze comuni nella medicina popolare specie in Africa, nel Medio Oriente, in Cina ed in Giappone. Gli effetti medici riportati dei funghi comprendono l’attività antiinfiammatoria mediante sostanze antiinfiammatorie che costituiscono un gruppo altamente diversificato dal punto di vista della loro struttura chimica. Esse comprendono polisaccaridi, terpenoidi, sostanze fenoliche e molte altre molecole a basso peso molecolare. Lo scopo di questa rassegna è quello di riportare i differenti tipi di metaboliti bioattivi ed i relativi produttori ed anche i diversi meccanismi d’azione dei componenti dei funghi come potenziali agenti antiinfiammatori.

Elsayed EA, El Enshasy H, Wadaan MA, Aziz R. Mushrooms: a potential natural source of anti-inflammatory compounds for medical applications. Mediators Inflamm. 2014;2014:805841. doi: 10.1155/2014/805841. Epub 2014 Nov 23.

A cura di: Francesco Ceccherelli
Per leggere il full text: clicca qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *